Categorie
Ambiente

Coronavirus e inquinamento globale

In Italia, la Lombardia è risultata la regione più colpita dal virus ed è anche la stessa che ha il tasso di inquinamento dell’aria più alto. Ci sono moltissimi fattori che influenzano la diffusione incontrollata di un virus come appena accaduto, però in questo articolo voglio porre l’attenzione su un tema trattato lunedì sera su Rai 3 dalla trasmissione Report. In particolare, pare ci siano delle evidenze di una correlazione fra la concentrazione di polveri sottili in atmosfera e la diffusione del Covid-19. Recenti studi condotti dalla SIMA (Società Italiana di Medicina Ambientale) insieme alle università di Bologna e di Bari, spiegano come «il particolato atmosferico funzioni da vettore di trasporto per molti contaminanti chimici e biologici, inclusi i virus». Pertanto, potrebbe essere una causa della assai marcata differenza di contagio fra le aree del Nord Italia e il resto del Paese.

Tra le conclusioni, possiamo leggere: «si suggerisce di tenere conto di questo contributo sollecitando misure restrittive di contenimento dell’inquinamento».

Un contenimento che, speriamo, non debba essere solo il frutto di un lockdown come quello attuale dovuto ad una simile emergenza sanitaria che ha, come unico aspetto positivo, la riduzione netta di attività umane, e quindi di inquinamento.

Piuttosto, che questa crisi porti ad un insegnamento per il futuro, della serie “prevenire è meglio che curare”, invece che trovarsi di nuovo a piangere sul latte versato, cioè a seguito di errori già determinanti per l’evoluzione, in peggio, dell’emergenza.

Un altro studio, proveniente dall’area cinese di Wuhan, luogo di iniziale diffusione del nuovo virus, mostra come questo virus provochi criticità maggiori nei polmoni dei fumatori, da cui si può dedurre che i polmoni rovinati dall’inquinamento atmosferico sono altrettanto sensibili all’infezione. Queste teorie non sono state ancora scientificamente provate; ci suggeriscono però, se ce ne fosse altro bisogno, di prestare finalmente attenzione ad un tema, quello ambientale, che riguarda tutti e ha bisogno al più presto di una inversione di tendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.