Categorie
Candidati Amministrative 2020

Diritti al Futuro candida a Senigallia Riccardo Mandolini

Sono Riccardo Mandolini, ho 31 anni, sono nato e vivo a Senigallia e nelle mia vita lavorativa sono un artigiano falegname.Negli anni mi sono sempre interessato delle attività sociali e delle problematiche legate alla comunità dove risiedo, in frazione Vallone. La mia partecipazione alle attività del il circolo Arci hanno rappresentato un momento importante di confronto con la comunità locale favorendo la mia maturazione politica.
Alla nascita del Movimento 5 stelle ho contribuito insieme ad altri alla creazione del gruppo locale e alle elezioni del 2015 sono stato eletto consigliere comunale.

Nel 2016 ho partecipato insieme ad altri alla formazione del Comitato del NO al referendum contro la riforma renziana della Costituzione e coerentemente con quei principi di tutela della costituzione e della democrazia, sto tutt’ora lavorando con lo stesso comitato del NO alla campagna referendaria contro il taglio dei parlamentari.

Oggi porto l’ esperienze di 5 anni di lavori consiliari, nei quali ho sempre lavorato con un ottica propositiva e mai pregiudiziale, la mia attività politica si è espressa con emendamenti e osservazioni a regolamenti e varianti spesso votate, sostenendo le proposte che ritenevo buone e criticando sempre in maniera costruttiva.
Ho scelto di candidarmi con DIRITTI AL FUTURO, non solo, per dare continuità di rappresentanza al territorio dove risiedo, ma anche per favorire e rafforzare lo sviluppo di una costante connessione fra le Frazioni (tutte) e l’Amministrazione attraverso la formazione dei centri civici, questo con l’obiettivo di trovare soluzioni comuni in modo da riempire quel vuoto che negli anni si è creato tra centro città e periferie, anche con l’eliminazione dei Consigli di Circoscrizione.

La composizione pluralista di sinistra e antifascista fanno di DIRITTI AL FUTURO un ottimo contenitore politico dove alla base delle scelte (quelle programmatiche e quelle non programmate) , si pone sempre il dibattito e il confronto, anche aspro e duro quando serve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.